Storia
 


 


Bienvenue !
 
Bergues aujourd'hui Tourisme Agenda Accès - Plans Liens

 

Armoiries de Bergues

Al IXesimo secolo, Bergues fu creato sul bordo di una regione marécageuse, su un ressaut di terreno, Groenberg (22 metri). In 882, si vede rinforzata contro i Normanni da Baldovino il calvo, conto di Fiandre, che gli affida nelle 900 reliquie di St Winoc, santo venuto ad evangelizzare la regione alla fine del VIIème secolo.

In 1022, è dotata di un'abbazia da Baldovino la bella barba. Di conseguenza, sviluppa la sua attività coraggiosa per organizzare la conquista di un suolo sparso di paludi e stabilire ad essa, al modo delle città fiamminghe, un centro di draperies.

Al XIesimo secolo la città possiede un seminario monetario ; a XIIIesimo, fa parte del Hanse di Londra e, i suoi lavori da tessere battendo con brio, i suoi commercianti tentano il grande commercio.

Capo luogo di una châtellenie importante, ottiene in 1240 una carta o "keure " del comtesse Jeanne. Stabilisce il suo primo beffroi, simbolo delle libertà. La città ha allora il suo échevinage, il suo mercato, il suo sigillo e la sua arme colpita dal leone delle Fiandre. Diventa di conseguenza una delle città più importanti della parte Occidentale delle Fiandre.

La storia segnala 7 incendi che la divorano, in particolare in 1383 e 1558 dove la città è distrutta completamente. La guerra vaga incessantemente attorno ai suoi muri potenti.

Presa in 1297 da Robert di Artois quindi resa alle Fiandre, occupate dagli inglesi, fu assediata, presa e bruciata dai francesi in 1383. dovrà ancora sostenere numerose sedi successivamente, l'ultimo in data essendo quello dell'operazione dinamo nel 1940.

Collegato alla Francia dal trattato di Aquisgrana in 1668, Bergues vedrà i suoi muri rafforzati da Vauban.

Dopo l'episodio triste della rivoluzione che distruggerà l'abbazia potente di St Winoc e tutti i conventi, Bergues sarà segnato dal passaggio di Lamartine come deputato in 1833.

Toccata da grandi siluri nel 1915, la città sarà sinistrata all'all'80% nel 1940-1945, che perde in particolare il suo beffroi superbe.

Bergues oggi è una città accessibile dove fa bene vivere. Una ricostruzione intelligente gli ha permesso di conservare il suo carattere di piccola città fiamminga ed i suoi rifugi, costruiti ieri per rifiutare il nemico fungono ormai da scrigno "all'altra Bruges delle Fiandre " ...

Accesso Benvenuto Ordine del giorno Storia

Volete scusarli per la qualità della traduzione. Grazie eventualmente di annunciarci le vostre osservazioni !

Mise à jour : mercredi 14 décembre 2005


Sommaire - Mots clés - Accueil